RISCRITTURE PER VIOLINO SOLO

REWRITINGS FOR SOLO VIOLIN

Tactus Label, 2016

 

Un passato che lascia traccia in nuove sonorità, un passato rivisitato in nuovi segni e gesti, una nuova musica profondamente segnata dal passato: questo il percorso proposto, incentrato sul tema della “riscrittura”, intesa sia come volontà – ed esigenza – di ripensare, nella modernità, la tradizione musicale del passato per creare nuovi valori artistici, sia come recupero di stilemi del passato per riproporli, talvolta pur deformati, nella scrittura post-moderna della contemporaneità, sia come vera e propria interpretazione. La riscrittura rappresenta una specifica pratica intertestuale nata dale nelconfronto fra testi musicali (e non solo) che si richiamano a vicenda – a distanza di tempo e di spazio – in modo tale che l’uno “illumini” l’altro, esaltandone un carattere o evidenziandone una differenza. In ogni caso, pur nella presa di distanza, è interpretazione.

 

A past that leaves its traces in new sounds, a revisited past with new signs and gestures, a new type of music, deeply influenced by the past: this is the theme of this project, focused on “rewriting”. This rewriting is intended to signify the will – and need – to reproduce the characters of traditional music with the addition of new musical ideas, as well as the attempt to recover patterns from the past. This might also entail reproducing them (even in a distorted manner) within a post-modernist experimental perspective, or as a new, unique interpretation. Rewriting is a specific intertextual procedure derived from (and through) the comparison of musical works that recall each other – through a distance of time and space – so that one fragment sheds new light onto another one, by intensifying a character or highlighting a contrast. Either way, this is intended to be an interpretation in its own way.